Qual’é la Normativa ASL per BAR?

imagesMi viene spesso fatta questa domanda da parte di coloro i quali vogliono aprire un bar. Qual’è la normativa ASL per aprire un bar? Gli interessati vorrebbero sapere a quale normativa fare riferimento e spesso si ritiene che vi sia una normativa ASL alla quale fare riferimento. In realtà l’ASL non può legiferare ma far rispettare le volontà del legislatore locale, Regionale, Nazionale ed Europea.

La normativa europea col Reg. CE 852/04 e tutta quella italiana dettano i requisiti generali in materia di igiene degli alimenti e generalmente non fa mai riferimento a numeri e dimensioni.

La normativa locale o per meglio dire, comunale, con il regolamento comunale di igiene, entra più nello specifico per ciò che riguarda i requisiti, le dimensioni, ecc. per le varie tipologie di attività. Ciò vuol dire che per aprire un bar è bene fare riferimento al regolamento comunale di igiene per sapere quali sono i requisiti igienico sanitari necessari per aprire un bar a norma.

I funzionari ASL verificano che le attività di bar abbiano rispettato tutte queste normative.

Il Barman che vuole aprire un bar deve scegliere il locale più adatto alle proprie esigenze e rivolgersi a bravi tecnici che lo aiutino a rispettare la normativa vigente ed al contempo avere la possibilità di poter somministrare la maggior tipologia di alimenti ed aumentare le opportunità di vendita e, quindi, di guadagno.

ESAME SAB 22 GENNAIO 2019

INFO E ISCRIZIONE da Lunedì a Venerdì orari: 9-13, 16-19

TEL: 350.0135913

CONSULENTE HACCP LECCE, MANUALE HACCP, FORMAZIONE EX LIBRETTO SANITARIO, MANUALE RISCHIO DA LEGIONELLA NEI SEGUENTI COMUNI Acaia, Acquarica del capo, Acquarica di lecce, Alessano, Alezio, Alliste, Andrano, Aradeo, Arnesano, Bagnolo del salento, Barbarano del capo, Boncore, Borgagne, Botrugno, Calimera, Campi salentina, Cannole, Caprarica di lecce, Carmiano, Carpignano salentino, Casamassella, Casarano, Castiglione, Castri di lecce, Castrignano dì, greci, Castrignano del capo, Castro, Castro marina, Castromediano, Cavallino, Cerfignano, Chiesanuova, Cocumola, Collemeto, Collepasso, Copertino, Corigliano d'otranto, Corsano, Cursi, Cutrofiano, Depressa, Diso, Felline, Frigole, Gagliano del capo, Galatina, Galatone, Gallipoli, Galugnano, Gemini, Giuggianello, Giuliano di lecce, Giurdignano, Guagnano, Lecce, Lequile, Leverano, Lido conchiglie, Lizzanello, Lucugnano, Magliano, Maglie, Marina di leuca, Marittima, Martano, Martignano, Matino, Melendugno, Melissano, Melpignano, Merine, Miggiano, Minervino di lecce, Monteroni di lecce, Montesano salentino, Montesardo, Morciano di leuca, Muro leccese, Nardì, Neviano, Nociglia, Noha, Novoli, Ortelle, Otranto, Palmariggi, Parabita, Patù, Pisignano, Poggiardo, Porto cesareo, Prisicce, Racale, Ruffano, Ruggiano, Salice salentino, Salve, San cassiano di lecce, San cesario di lecce, San dana, San donato di lecce, San foca, San pietro in lama, San simone, Sanarica, Sannicola, Santa caterina, Santa cesarea terme, Santa chiara di nardì, Santa maria al bagno, Scorrano, Secli, Serrano, Sogliano cavour, Soleto, Specchia, Specchia gallone, Spongano, Squinzano, Sternatia, StrudZSupersano, Surano, Surbo, Taurisano, Taviano, Tiggiano, Torre cesarea, Torre dell'orso, Torre lapillo, Torrepaduli, Trepuzzi, Tricase, Tricase porto, Tuglie, Ugento, Uggiano la chiesa, Vanze, Vaste, Veglie, Vernole, Vignacastrisi, Villa baldassarri, Villa convento, Vitigliano, Zollino, Presicce
Precedente Dott. Cesare Martino, Tecnologo Alimentare per Lecce e provincia Successivo MANUALE HACCP